Giovani vite spezzate in un’isola selvaggia

Recensione di “L’isola dei cacciatori di uccelli” di Peter May

 

Peter May, L'isola dei cacciatori di uccelli, Einaudi
Peter May, L’isola dei cacciatori di uccelli, Einaudi

Isola di Lewis, al largo delle coste scozzesi. Roccia scura, inospitale, spazzata dai gelidi venti atlantici e sferzata dal respiro rabbioso e infaticabile dell’oceano. Pochi villaggi, nei quali il tempo sembra aver smesso di scorrere. La vita degli abitanti è allo stesso tempo durissima e monotona; è sopravvivenza, scandita dalla violenza primordiale di tempeste e mareggiate e dalla soffocante intransigenza fondamentalista delle congregazioni religiose protestanti, dalle infuocate, immaginifiche prediche sull’ira di Dio rovesciate dai pulpiti e dalla severissima vigilanza della domenica, quando ogni strada è deserta, ogni locale chiuso e perfino le altalene nei parchi gioco sono serrate con i lucchetti affinché nulla e nessuno, neppure l’innocenza dei bimbi, possa profanare la santità del giorno del Signore. È qui che suo malgrado è costretto a tornare l’ispettore Fin McLeod della polizia di Glasgow; qui, al villaggio di Crobost, dove è nato, cresciuto e dal quale, non appena ne ha avuto la possibilità, è fuggito. Un uomo è stato brutalmente ucciso, un uomo che McLeod conosce bene, qualcuno con cui è andato a scuola, insieme al quale è stato ragazzo e poi diventato adulto; un uomo che non ha mai amato, ma che adesso è solo un cadavere, un cadavere impiccato e sventrato trovato in una rimessa per barche. Un omicidio orribile, brutale, simile, troppo simile a un altro delitto avvenuto a Glasgow tempo prima e su cui proprio McLeod aveva indagato. Per questa ragione, per scoprire se i due fatti siano legati e in che modo, e soprattutto se l’assassino sia lo stesso, che l’ispettore viene inviato sull’isola. E sull’isola, ad attenderlo, ci sono tutti i fantasmi che fuggendo l’uomo ha creduto, sperato di potersi lasciare alle spalle. Una volta per tutte, per sempre. Questo l’antefatto, e seppur parzialmente anche la trama del bellissimo L’isola dei cacciatori di uccelli del giornalista e scrittore Peter May, primo capitolo di una trilogia; un dramma potente, di grande suggestione, che nelle cadenze di un mystery d’atmosfera affronta temi difficili, scomodi e disturbanti quali l’eredità del passato (il più delle volte quasi impossibile da sopportare) con la quale ogni uomo si trova a fare i conti, il rimorso (sorta di forma tumorale del ricordo, la cui incancellabilità è direttamente proporzionale alla sofferenza procurata), il dolore, la vendetta, l’incapacità di affrontare la vita e l’impossibilità di sfuggirle.

La prosa di May, magistrale e intensissima, regala emozioni uniche al lettore. Restituisce, attraverso pagine indimenticabili, l’atmosfera particolare, insieme terrificante e splendida, di quell’isola indomita, misteriosa e incomprensibile, che l’uomo abita per concessione del cielo e del mare, senza aver mai realmente conquistato, poi si concentra, con acuta sensibilità e partecipazione sincera, sulle travagliate esistenze dei singoli (a partire da Mcleod, che ha appena perduto un figlio e sta per divorziare dalla moglie, fino ad arrivare ai suoi amici d’infanzia, nessuno dei quali ha abbandonato l’isola: il fraterno compagno di giochi Artair, invecchiato, disilluso e sconfitto; Marsaili, l’amore della sua vita, abbandonata per stupidità, vanità, perché gli anni della giovinezza, nei quali crediamo che ogni traguardo sia raggiungibile, sono in realtà quelli in cui bruciamo noi stessi e il nostro domani moltiplicando gli errori e accumulando rimpianti; Murdo, il fratello minore della vittima, il bullo della scuola rimasto negli anni uguale a se stesso ma ancor più incattivito, inacidito; Donald, il più intelligente e brillante della compagnia, vittima del proprio splendore e dell’irrefrenabile desiderio di ribellarsi all’autorità paterna; Calum, la cui vita si è spezzata prima ancora che riuscisse ad assaporarla per una di quelle tragedie senza senso che il caso semina per via, come trappole per topi, e che la cattiveria del prossimo, il più delle volte inconsapevolmente, fa scattare); intanto, poco alla volta, il mistero legato al brutale assassinio si chiarisce. E la realtà che emerge è perfino peggiore della violenza omicida.
L’isola dei cacciatori di uccelli non è un semplice giallo. Il delitto e la sua soluzione sono un pretesto narrativo (peraltro ottimamente svolto) per raccontare l’odissea di uomini perduti, il destino oscuro di un microcosmo prigioniero di se stesso, che perpetua la propria esistenza in vita attraverso l’obbedienza silenziosa e supina a rituali antichissimi e sanguinari, come quello del massacro delle sule (raccontato con accenti di lacerante splendore), uccelli che a migliaia, ogni anno, nidificano su uno scoglio poco lontano dall’isola e che un manipolo di cacciatori stermina sistematicamente, forse in ricordo di un tempo nel quale gli uomini erano costretti a farlo per fame, forse perché, oggi, è questo, e soltanto questo, a dare un’ombra di senso ai loro giorni.
Leggete questo meraviglioso romanzo, ve ne innamorerete.
Eccovi l’incipit. Buona lettura.
Sono solo ragazzi. Di sedici anni. Vanno in cerca dell’abbraccio nel buio, resi audaci dall’alcol e frettolosi dall’imminenza del giorno del Signore.
Stranamente c’è solo un venticello leggero. E per una volta è tiepido, come l’alito sulla pelle, carezzevole e seducente. Una lieve foschia nel cielo d’agosto nasconde le stelle, ma tra quarti di luna gettano la loro luce pallida ed esangue lungo la sabbia compatta, residuo della marea calante. Il mare respira delicato sulla riva, mentre la sua schiuma fosforescente fa scoppiare bolle argentee sul fondo dorato. La giovane coppia scende di corsa dal villaggio lungo la strada di catrame, con il sangue che pulsa nelle tempie al ritmo delle onde.
Alla loro sinistra, il movimento alterno dell’acqua nel porticciolo spezza il riflesso della luna sulla superficie del mare, e i ragazzi sentono lo scricchiolare delle barche che tirano con forza gli ormeggi, e il lieve rumore sordo del legno che cozza sul legno mentre si spingono per farsi largo, urtandosi giocose nel buio.
Uilleam le stringe la mano, percependo la sua ritrosia. Ha sentito il sapore dolce dell’alcol nel suo respiro e il desiderio nel suo bacio, e sa che stasera finalmente cederà. Ma c’è così poco tempo! Il giorno del Signore è vicino. Troppo vicino. Manca solo mezz’ora, come ha scoperto con un’occhiata furtiva all’orologio prima di lasciarsi alle spalle i lampioni della strada.

Pubblicato da

ilconsigliereletterario

Non c'è molto da dire, in realtà, se non che sopra ogni altra cosa amo leggere e scrivere. Ben più di quel che potrei dire di me lo dicono (peraltro decisamente meglio) i libri che ho letto, e di cui parlo nel blog. E qualche altra cosa la aggiungono i libri che ho scritto, "Quella solitudine immensa d'amarti solo io", pubblicato da Priamo e Meligrana Editore nel gennaio del 2013 (nel caso vi interessasse, lo trovate in tutti gli store, da Feltrinelli.it a Sanpaolostore.it). Da ottobre 2013 il libro è stato pubblicato anche in versione cartacea e di recente ne è stata fatta la prima ristampa; lo trovate in libreria, oppure potete ordinarlo su Amazon, Ibs o sul sito dell'editore: www.meligranaeditore.com; e "La logica del mammifero (storia di una madre)", uscito il 2 dicembre 2016, pubblicato da Prospero Editore (www.prosperoeditore.com; se lo desiderate, potete anche ordinarlo sul sito). Oltre a questi romanzi ne ho scritti altri due, ancora in attesa di trovare una casa editrice disposta a scommetterci sopra, questi i titoli: "Ripaferdine (storie di cortile)", "Trenta denari (una storia d'amore)". Se per caso da queste parti dovesse capitare un editore interessato a dare un'opportunità agli esordienti (almeno per leggerli), lo invito di tutto cuore a farsi sentire. Credo di poter dire che non se ne pentirà.

2 pensieri su “Giovani vite spezzate in un’isola selvaggia”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...