Omaggio alla letteratura disegnata

 

Merita senza dubbio grande attenzione la collana le Storie, nuova iniziativa della Sergio Bonelli Editore. Si tratta di una serie di romanzi a fumetti (e romanzi sono, a tutti gli effetti, per profondità d’analisi, respiro narrativo, scelta dei temi), ma questa volta lascio che a vestire i panni del consigliere letterario e a parlare dell’opera sia un caro amico, Antonio Marangi (che ringrazio per la disponibilità), grande appassionato e soprattutto grande esperto di letteratura disegnata, fondatore e anima instancabile di Sbam! Comics “rivista digitale a fumetti e sui fumetti” (la trovate qui). Eccovi la sua recensione (già comparsa su Sbam!). Buona lettura.
Come Mastro Titta nel Rugantino. O come il protagonista di Nessuno tocchi Caino, la struggente canzone di Enrico Ruggeri e Andrea Mirò. O anche, infine, come il secondino Paul Edgecombeinterpretato da Tom Hanks ne Il miglio verde. Il carnefice, il boia, l’uomo che uccide per la giustizia, visto dal punto di vista della sua umanità, nel suo essere compassionevole verso il condannato, nel suo accostarsi al dramma di colui che sta per uccidere sul patibolo. Questo è anche il caso di Charles-Henry Sanson, protagonista assoluto del numero 1 di le Storie (ottobre 2012, euro 3,50), scritto proprio così, con l’articolo minuscolo. Parliamo della nuovissima serie Bonelli, che – come annunciato – proporrà in ogni albo storie uniche e complete, slegate le une dalle altre. Un po’ come fu, in un paragone un po’ audace, la leggendaria serie Un uomo un’avventura negli anni Settanta, ricordata anche nell’editoriale di questo albo. Ma parlavamo di Sanson: carnefice francese realmente vissuto in un momento storico di… superlavoro per lui, trattandosi di quello della Rivoluzione francese e del successivo periodo del Terrore di Robespierre. A Sanson sono stati attribuiti vari diari, ma mai nessuno storicamente documentato: ha pensato allora Paola Barbato, in un lavoro davvero eccellente, a ripercorrerne la vicenda. Da “impiegato” della corte di Luigi XVI, temuto e malvisto dalla popolazione per il suo terribile ruolo, a mito e simbolo per lo stesso popolo dopo la Rivoluzione, quando la sua ghigliottina comincia a colpire la nobiltà, fino ad arrivare addirittura a Sua Maestà in persona. Ma Monsieur Sanson “vede” il suo lavoro sempre allo stesso modo: conta il sacro e assoluto rispetto della persona, anche se è distesa sotto una lama, si tratti di un rubagalline o di uno degli antichi – o nuovi – dominatori.
Una nota finale più che doverosa per il lavoro del disegnatore Giampiero Casertano: le sue tavole, a metà tra il realistico e il grottesco, riescono perfettamente a portare il lettore nella cupa atmosfera dell’esecuzione, a metterlo tra la folla eccitata che osserva la ghigliottina.
A far da cornice al tutto, la copertina, firmata dal grande Aldo Di Gennaro.
Saltando completamente di genere, il numero 2 della serie – previsto per novembre 2012 – ci porterà tra i samurai giapponesi, grazie a Roberto Recchioni e Andrea Accardi.

Pubblicato da

ilconsigliereletterario

Non c'è molto da dire, in realtà, se non che sopra ogni altra cosa amo leggere e scrivere. Ben più di quel che potrei dire di me lo dicono (peraltro decisamente meglio) i libri che ho letto, e di cui parlo nel blog. E qualche altra cosa la aggiungono i libri che ho scritto, "Quella solitudine immensa d'amarti solo io", pubblicato da Priamo e Meligrana Editore nel gennaio del 2013 (nel caso vi interessasse, lo trovate in tutti gli store, da Feltrinelli.it a Sanpaolostore.it). Da ottobre 2013 il libro è stato pubblicato anche in versione cartacea e di recente ne è stata fatta la prima ristampa; lo trovate in libreria, oppure potete ordinarlo su Amazon, Ibs o sul sito dell'editore: www.meligranaeditore.com; e "La logica del mammifero (storia di una madre)", uscito il 2 dicembre 2016, pubblicato da Prospero Editore (www.prosperoeditore.com; se lo desiderate, potete anche ordinarlo sul sito). Oltre a questi romanzi ne ho scritti altri due, ancora in attesa di trovare una casa editrice disposta a scommetterci sopra, questi i titoli: "Ripaferdine (storie di cortile)", "Trenta denari (una storia d'amore)". Se per caso da queste parti dovesse capitare un editore interessato a dare un'opportunità agli esordienti (almeno per leggerli), lo invito di tutto cuore a farsi sentire. Credo di poter dire che non se ne pentirà.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...