Il Napoleone del crimine

Arthur Conan Doyle, La valle della paura, Bur
Arthur Conan Doyle, La valle della paura, Bur

“Nel definire Moriarty un criminale, lei si copre del reato di calunnia agli occhi della legge, e in questo consiste appunto la grandiosità e la meraviglia della cosa. Il più grande imbroglione di tutti i tempi, l’organizzatore di ogni ribalderia, il cervello che controlla il mondo sotterraneo, un cervello che potrebbe foggiare o distruggere il destino di intiere nazioni, questo è l’uomo! Ma egli è talmente superiore a ogni sospetto del pubblico; è talmente immune da ogni critica; sa così meravigliosamente destreggiarsi e nascondersi, che per quelle sole parole che lei ha dette adesso, potrebbe trascinarla in tribunale e uscirne con la pensione di un anno come risarcimento di danni morali. Non è forse il celebrato autore de La dinamica di un asteroide, libro che, si dice, non trovò in tutta la stampa scientifica il competente capace di recensirlo? È questo un uomo da diffamare? Lei sarebbe tacciato di medico calunniatore e lui sarebbe compianto come professore denigrato: tali sarebbero le vostre rispettive parti. Questo è genio, Watson. Ma se io sarò risparmiato da uomini minori, verrà sicuramente il nostro giorno”. Questo ammirato e rabbioso ritratto che Sherlock Holmes, nel corso di un infiammato dialogo con l’amico Watson, traccia del suo mortale nemico, il professor Moriarty, apre La valle della paura, quarto e ultimo romanzo di Arthur Conan Doyle (fu pubblicato nel 1915) che ha per protagonista l’infallibile detective di Baker Street. Deus ex machina, burattinaio occulto, diabolico maestro di complotti, Moriarty – o per dir meglio la sua ombra, la sua presenza – attraversa l’intero romanzo, che alle torbide atmosfere del mystery affianca la prosa ricca di tensione e colpi di scena propria del racconto spionistico. Costruito come un labirinto, ingannevole come un gioco di specchi, disseminato di false piste (che rimandano ad altrettante identità, a maschere indossate per chissà quali scopi), La valle della paura è probabilmente il romanzo più complesso di Conan Doyle e insieme la prova più ardua affrontata da Sherlock Holmes, le cui prodigiose facoltà intellettive mostrano per la prima volta un limite. Splendida eccezione in un mondo di anonima normalità, il grande detective appartiene pur sempre a qualcosa di più grande di sé: egli è infatti suo malgrado membro di un ristrettissimo circolo di veri e propri prodigi i cui destini sono in qualche modo destinati a incontrarsi. E se a questa “condanna decretata dal genio” ha deciso di sottrarsi il fratello di Sherlock, Microft, uomo dalle capacità deduttive addirittura superiori a quelle di Holmes che vive ritirato nel raffinato Diogenes Club, scelte opposte hanno fatto, ognuno nel proprio campo d’azione, lo stesso Holmes e la sua nemesi Moriarty. Inevitabile, dunque, che il genio votato al male, il “Napoleone del crimine”, come proprio Holmes giunge a definirlo, e il suo degno avversario finiscano per scontarsi, per ritrovarsi a combattere sullo stesso terreno.

Ed è questo ciò che accade non appena Holmes viene incaricato di indagare su un assassinio, feroce quanto particolare. Egli non tarda a scoprire che il delitto è una messinscena e che l’uomo che si vuol far credere morto (un poliziotto) è in realtà vivo e vegeto. Ma dall’inchiesta emerge anche altro; che il poliziotto, reduce da una pericolosa missione in America, si è fatto nemici molto potenti, che questi nemici hanno giurato di vendicarsi di lui, e soprattutto che Moriarty è l’uomo incaricato di portare a termine il sanguinoso compito. E Moriarty, malgrado Holmes abbia perfettamente compreso il suo disegno, trova comunque il modo di eliminare il proprio bersaglio, rendendo tragicamente vana l’esatta catena di deduzioni formulata del detective. “Si capisce un artista dal suo colpo di pennello”, dichiara Sherlock Holmes a omicidio compiuto, ammettendo, seppur a denti stretti, di essere stato battuto. “Io ho immediatamente intuito che qui c’è sotto lo zampino di Moriarty. Questo delitto è stato macchinato a Londra, non in America […]. Perché esso è stato compiuto da un uomo che non può permettersi di fallire… poiché quest’uomo deve la sua posizione assolutamente unica al fatto che tutto ciò che egli intraprendente riesce”. Ma un’ammissione di sconfitta non è una resa incondizionata; nel suo momento più difficile Holmes rialza la testa e rinnova la sfida: “Non dico che non si possa batterlo. Ma bisogna che lei mi dia del tempo… molto tempo!”.

La valle della paura racconta l’avventura più amara e più intensa di Holmes; la sua umanità, la sua fragilità, la sua imperfezione (o se si vuole la sua limitata perfezione) risaltano con forza in pagine drammatiche e amare, che regalano a un giallo di per sé robusto e coinvolgente una profondità psicologica insolita, che si impone all’attenzione del lettore. Difficile pensare, per un eroe letterario, un congedo migliore, e non applaudire ammirati la maestria di Conan Doyle.

Eccovi l’inizio del libro, traduzione di Maria Gallone. Buona lettura.
– Mi vien fatto di pensare… – cominciai. – Bravo – m’interruppe Sherlock Holmes in tono d’impazienza. – Ecco un esercizio che le consiglio caldamente. Credo di essere uno dei più tolleranti mortali della terra, ma francamente quell’interruzione sardonica m’indispettì. – Sa, Holmes – rimbeccai seccato – che, a volte, lei mette a dura prova il suo prossimo? Ma era troppo assorto nei suoi pensieri, per dare una risposta immediata al mio scatto. Si appoggiò su una mano, con davanti la colazione intatta, e cominciò a studiare un foglietto di carta che aveva tolto in quel momento da una busta.

Pubblicato da

ilconsigliereletterario

Non c'è molto da dire, in realtà, se non che sopra ogni altra cosa amo leggere e scrivere. Ben più di quel che potrei dire di me lo dicono (peraltro decisamente meglio) i libri che ho letto, e di cui parlo nel blog. E qualche altra cosa la aggiungono i libri che ho scritto. Il mio primo romanzo, Quella solitudine immensa d’amarti solo io (Priamo/Meligrana 2013) è andato di recente in ristampa; il secondo, La logica del mammifero (storia di una madre) (Prospero Editore), è uscito il 2 dicembre 2016. Il terzo romanzo, intitolato Ripaferdine (storie di cortile), è uscito a ottobre 2017 per i tipi di Giraldi Editore. Il quarto è concluso ed è in lettura… e il quinto sta muovendo i primi passi. E oltre a questi lavori ci sono i racconti: William Shakespeare, il texano, pubblicato nella collana Coup de foudre di Aulino Editore, e il volume antologico On the Radio (Morellini Editore), cui partecipo con una storia intitolata La radio all’improvviso. Nel caso da queste parti passasse qualche addetto ai lavori in cerca di buone storie da pubblicare, o meglio ancora di un appassionato cultore di libri con il quale lavorare, lo invito a farsi avanti; mi sento di assicurargli che non se ne pentirà.

3 pensieri su “Il Napoleone del crimine”

  1. ciao Paolo durante la lettura di quesdta paginetta virtuale mi hai fatto rivivere il tempo in cui divoravo un “giallo mondadori” al giorno o quasi, grazie per aver rivalutato il vecchio Holmes dalle brutture dei recenti film, interessante questo romanzo che non ho letto, ma l’ho vissuto qui con te bye bye alla prossima

    Mi piace

      1. Ciao Nino, grazie. Credimi se ti dico che stai dando un senso a questo mio affannarmi che dura da più di due anni. Mi piace molto quel che faccio e continuerò a farlo, ma va da sé che avere almeno qualche riscontro regala entusiasmo. E tu sei sempre presente.

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.