La radio all’improvviso

racconto di Paolo Vitaliano Pizzato
disponibile nell’antologia “On the radio” di Morellini Editore

on the radio

Dopo il successo di “Vinyl – Storie di dischi che cambiano la vita”, una nuova antologia di Morellini Editore dedicata alle suggestioni della radio.

PAOLO PIZZATO

Paolo Vitaliano Pizzato, 50 anni. Dal 2012 gestisce il blog ilIl Consigliere Letterario.

Esordisce nel 2013 con Quella solitudine immensa d’amarti solo io (Priamo/Meligrana Editore). La logica del mammifero (storia di una madre) esce tre anni più tardi per Prospero Editore con cui partecipa al volume antologico Pausa caffè: letteratura espressa.

Il terzo romanzo, Ripaferdine (storie di cortile), esce nel 2017 per Giraldi Editore. Trenta denari (una storia d’amore) è il suo quarto romanzo.

Nel 2018 pubblica due racconti, William Shakespeare, il texano nella collana Coup del foudre di Aulino Editore e La radio all’improvviso nell’antologia On the radio edita da Morellini Editore.

ON THE RADIO su Morellini Editore

ON THE RADIO su IBS

Pubblicato da

ilconsigliereletterario

Non c'è molto da dire, in realtà, se non che sopra ogni altra cosa amo leggere e scrivere. Ben più di quel che potrei dire di me lo dicono (peraltro decisamente meglio) i libri che ho letto, e di cui parlo nel blog. E qualche altra cosa la aggiungono i libri che ho scritto. Il mio primo romanzo, Quella solitudine immensa d’amarti solo io (Priamo/Meligrana 2013) è andato di recente in ristampa; il secondo, La logica del mammifero (storia di una madre) (Prospero Editore), è uscito il 2 dicembre 2016. Il terzo romanzo, intitolato Ripaferdine (storie di cortile), è uscito a ottobre 2017 per i tipi di Giraldi Editore. Il quarto è stato pubblicato, ancora con Prospero Editore, il 14 marzo 2019; si intitola Trenta denari (una storia d'amore). E oltre a questi lavori ci sono i racconti: William Shakespeare, il texano, pubblicato nella collana Coup de foudre di Aulino Editore, e il volume antologico On the Radio (Morellini Editore), cui partecipo con una storia intitolata La radio all’improvviso. Nel caso da queste parti passasse qualche addetto ai lavori in cerca di buone storie da pubblicare, o meglio ancora di un appassionato cultore di libri con il quale lavorare, lo invito a farsi avanti; mi sento di assicurargli che non se ne pentirà.