All’ombra di favole senza morale

Recensione di “Favole” di Jean de La Fontaine

Jean de La Fontaine, Favole, Bur

Regalare alla favola il lirismo espressivo dei versi e nello stesso tempo strapparla all’insegnamento morale che ne costituisce, fin da Esopo e Fedro, il fine dichiarato. Jean de La Fontaine, che Stendhal definì il più grande poeta di Francia, nelle sue Favole, pubblicate a partire dal 1668, sembra farsi beffe di ogni santificata tradizione letteraria, di ogni canone riconosciuto, e propone ai lettori un’opera completamente nuova, rivoluzionaria, il cui unico legame con il passato è la volontà ferma di trasfigurarlo. Edonista ed epicureo, discepolo entusiasta di Rabelais e della sua concezione disincantata e follemente sarcastica degli uomini e della vita, e nello stesso tempo sensibile alla dottrina filosofica ed etica del giansenista Pierre Gassendi – fiero oppositore del rigoroso razionalismo cartesiano – La Fontaine, che amava descriversi attraverso il motto “la diversità è la mia divisa”, trova proprio nelle contraddizioni insanabili del suo animo inquieto l’ispirazione prima per il proprio lavoro. Nella finta ingenuità del suo comporre, nelle descrizioni a volte buffe, altre volte comiche, altre ancora tragiche, di animali, uomini, piante e cose, della natura tutta, il grande maestro francese veste i panni neutri dell’osservatore del grande spettacolo del mondo; guarda alla realtà per quella che è, la racconta così come la percepisce, nello stesso modo in cui la legge e ne fa esperienza. Così, la crudeltà degli animali e di tutte le altre creature protagoniste delle sue storie, lungi dal farsi strumento per qualche edificante apologo, non è altro che quella che naturalmente regola i loro rapporti, è l’esatta espressione del loro essere; non c’è necessità di ingigantirla o di sottolinearne alcuni aspetti particolari per farne esempio, modello, e in tal modo illustrare al lettore qualche fondamentale verità. Splendore e orrore, dolore e gioia, entusiasmo e mestizia, viltà e coraggio sono aspetti della vita, che nel suo procedere, come un infaticabile ragno, intreccia tra loro gli opposti (gli stessi che abitano l’anima di ogni uomo); di fronte a tutto questo non c’è che una sola saggezza possibile, quella rabelaisiana, e per certi versi anche epicurea, che ci suggerisce di accettare le cose per quel che sono, cercando di godere dei piaceri che l’esistenza dispensa (seppur con eccessiva frugalità) e fuggendo per quanto possibile le sofferenze, di cui invece è prodiga.

Non è tuttavia esercizio vano, nel rapimento estetico della lettura delle Favole, andare ugualmente alla ricerca di una lezione. La leggerezza del suo linguaggio, la ricchezza delle forme espressive, il rimare giocoso, la perfezione descrittiva, le caratterizzazioni potenti e immediate, che in pochi tocchi si fanno ritratto, sono doni preziosissimi, raccontano, nell’armonioso respiro della metrica, l’arte squisita della poesia e invitano il lettore a lasciarsi conquistare dalla sua magnificenza; e se è senza dubbio vero che lo spazio (ridotto) riservato nelle Favole alle conclusioni dichiaratamente morali e la concessione all’insegnamento non sono che un omaggio, peraltro superficiale, alla grandezza degli autori greci e latini, è altrettanto innegabile che nel suo “testimoniare” La Fontaine spesso e volentieri sveste i panni del puro spettatore e dichiara senza possibilità d’equivoco il proprio favore e la propria antipatia per quel che vede e riporta. Ed ecco che le Favole si popolano di vizi – l’ipocrisia, la vanagloria, la menzogna subdola di chi è disposto a qualsiasi compromesso pur di raggiungere i propri scopi – che l’autore, come il più ispirato dei predicatori, fustiga con gioia perversa, mentre subito dopo a farsi strada è la pietà commossa verso i più deboli, gli sfortunati, gli infelici. Esiste, dunque, un orizzonte morale nelle poesie di La Fontaine; si tratta certamente di un orizzonte sfumato, che nasce da preferenze personali, dalla particolare visione della vita di un singolo. Non è qualcosa da cui si possano trarre indicazioni per una condotta di vita, e del resto non è questo l’importante. Quel che conta davvero è che gli accenti di La Fontaine brillano, oltre che per raffinatezza stilistica, anche per sincerità, per autenticità. Nelle sue creazioni il poeta non nasconde l’uomo, ed è guardando all’uomo Jean de La Fontaine, a quel che ama e disprezza, a quel che aspira e a ciò che rifiuta che impariamo a leggere e comprendere le Favole nella loro reale compiutezza.

Pubblicato da

ilconsigliereletterario

Non c'è molto da dire, in realtà, se non che sopra ogni altra cosa amo leggere e scrivere. Ben più di quel che potrei dire di me lo dicono (peraltro decisamente meglio) i libri che ho letto, e di cui parlo nel blog. E qualche altra cosa la aggiungono i libri che ho scritto. Il mio primo romanzo, Quella solitudine immensa d’amarti solo io (Priamo/Meligrana 2013) è andato di recente in ristampa; il secondo, La logica del mammifero (storia di una madre) (Prospero Editore), è uscito il 2 dicembre 2016. Il terzo romanzo, intitolato Ripaferdine (storie di cortile), è uscito a ottobre 2017 per i tipi di Giraldi Editore. Il quarto è stato pubblicato, ancora con Prospero Editore, il 14 marzo 2019; si intitola Trenta denari (una storia d'amore). E oltre a questi lavori ci sono i racconti: William Shakespeare, il texano, pubblicato nella collana Coup de foudre di Aulino Editore, e il volume antologico On the Radio (Morellini Editore), cui partecipo con una storia intitolata La radio all’improvviso. Nel caso da queste parti passasse qualche addetto ai lavori in cerca di buone storie da pubblicare, o meglio ancora di un appassionato cultore di libri con il quale lavorare, lo invito a farsi avanti; mi sento di assicurargli che non se ne pentirà.

1 commento su “All’ombra di favole senza morale”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.