La “sporca dozzina” de Il Consigliere Letterario

Le migliori letture del 2018

Giunti quasi al termine dell’anno, eccovi la classifica dei dodici (in soli dieci proprio non ci stavo, e già così sanguino per chi ho lasciato fuori) libri migliori letti nel 2018. La ragione sta nella recensione, cui, libro per libro, vi rimando. Grazie a tutti, buona lettura e i miei migliori auguri di un indimenticabile 2019!

  1. Franco Arminio, Resteranno i canti Bompiani (la recensione la trovate qui
  2. John Steinbeck, La valle dell’Eden Mondadori (la recensione la trovate qui)
  3. Larry McMurtry, Lonesome Dove Einaudi (la recensione la trovate qui)
  4. Nagib Mahfuz, Vicolo del mortaio Feltrinelli (la recensione la trovate qui)
  5. Fernando Aramburu, Patria Guanda (la recensione la trovate qui)
  6. Mario Vargas Llosa, La città e i cani Einaudi (la recensione la trovate qui)
  7. Truman Capote, A sangue freddo Garzanti (la recensione la trovate qui)
  8. Jorge Amado, Dona Flor e i suoi due mariti Garzanti (la recensione la trovate qui)
  9. Stanislaw Lem, Solaris Sellerio (la recensione la trovate qui)
  10. Mo Yan, Il supplizio del legno di sandalo Einaudi (la recensione la trovate qui)
  11. Charles Lewinsky, Un regalo del Führer Einaudi (la recensione la trovate qui)
  12. A.S.Byatt, Il libro dei bambini Einaudi (la recensione la trovate qui)

Pubblicato da

ilconsigliereletterario

Non c'è molto da dire, in realtà, se non che sopra ogni altra cosa amo leggere e scrivere. Ben più di quel che potrei dire di me lo dicono (peraltro decisamente meglio) i libri che ho letto, e di cui parlo nel blog. E qualche altra cosa la aggiungono i libri che ho scritto. Il mio primo romanzo, Quella solitudine immensa d’amarti solo io (Priamo/Meligrana 2013) è andato di recente in ristampa; il secondo, La logica del mammifero (storia di una madre) (Prospero Editore), è uscito il 2 dicembre 2016. Il terzo romanzo, intitolato Ripaferdine (storie di cortile), è uscito a ottobre 2017 per i tipi di Giraldi Editore. Il quarto è concluso ed è in lettura… e il quinto sta muovendo i primi passi. E oltre a questi lavori ci sono i racconti: William Shakespeare, il texano, pubblicato nella collana Coup de foudre di Aulino Editore, e il volume antologico On the Radio (Morellini Editore), cui partecipo con una storia intitolata La radio all’improvviso. Nel caso da queste parti passasse qualche addetto ai lavori in cerca di buone storie da pubblicare, o meglio ancora di un appassionato cultore di libri con il quale lavorare, lo invito a farsi avanti; mi sento di assicurargli che non se ne pentirà.

7 pensieri su “La “sporca dozzina” de Il Consigliere Letterario”

  1. Di tutti i libri che hai elencato ne ho letti stranamente solo due ( stranamente perchè sono da sempre una lettrice seriale con una stanza biblioteca da 3 mila testi adesso quasi tutti dati in donazione) e solo uno mi è rimasto dentro. Truman Capote ha eseguito delle sistematiche interviste ai due ragazzi criminali con una frequenza ossessiva andandoli a trovare in prigione. Lo so perchè ho visto un documentario sulla costruzione di questo libro e a tutti è rimasto sconosciuto il motivo di tanto zelo letterario. Cosa volesse scoprire di quei due assassini o cosa volesse scoprire di se stesso non si sa. Ma per esperienza personale posso dire che uno scrittore mette sempre qualcosa di suo in ogni storia che racconta e forse quell’omicidio aveva toccato una delle sue corde interiori. Mi riservo di rileggerlo di nuovo, anche perchè la psicologia dei comportamenti umani mi intriga e quando lo lessi continuavo a pensare che mancasse un tassello. Come un puzzle ricostruito a cui manca l’ultimo pezzo. Che Truman se lo sia tenuto per sè perchè avrebbe rivelato qualcosa di se stesso che egli non accettava? Chissà.

    Mi piace

    1. Ti ringrazio del commento. Per quel che riguarda il capolavoro di Capote (tale lo considero), fu il frutto di una ossessione, di un tormento, di una persecuzione autoinflitta che costò moltissimo all’autore. A differenza tua, non ho avuto l’impressione che il libro, perfetto nel suo meccanismo narrativo, manchi di qualcosa, ritengo piuttosto che arrivi fin dove umanamente si può arrivare. Oltre non era possibile giungere. Un caro saluto

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.